Tag

, , , , , , , , ,

 

I. di professione impiegata.
Amante della lettura sin da quando la bibliotecaria della scuola elementare le consigliò di leggere “Ventimila leghe sotto i mari del Sud” e allora lei ancora ragazzina di un paesino di montagna scoprì le meraviglie del mare navigando insieme al capitano Nemo spaziando dagli abissi al mare siciliano.
Oggi anche se il tempo per leggere non sia molto fa di tutto per leggere almeno qualche pagina al giorno. Preferisce le storie vere con un risvolto sentimentale “Città della Gioia”, “l’uomo che sussurrava ai cavalli” da cui hanno tratto l’omonimo film con Robert Redford perché attraverso questi libri si percepisce la compassione, empatia e la voglia di aiutare qualcuno. Per quanto riguarda gli scrittori siciliani predilige Camilleri, ma non solo lo scrittore dei romanzi di Montalbano, anche il Camilleri pensatore che descrive la Sicilia in maniera dura e vera così lontana per certi versi , ma a volte così vicina a ciò che noi quotidianamente viviamo.

K. di professione casalinga.
La passione per i libri nasce come intrattenimento pomeridiano durante i pomeriggi estivi, la vicina di casa per tenere buone due bimbe K. e un’amichetta, le porta in salotto e lì da una grande libreria a vetri tira fuori dei coloratissimi libri per bambini. Il primo libro letto è “Buon compleanno Silvia” che successivamente a in memoria dei bellissimi ricordi le verrà regalato.
Da bambina sperava di star male per poter restare a casa a leggere per tutta la giornata, le malattie esantematiche erano una benedizione perché la costringevano a stare settimane intere a casa.
Oggi preferisce leggere libri gialli e noir, ma divora di tutto soprattutto sul divano di casa tra un impegno e un altro, perché il lavoro come mamma di certo non manca.
I libri preferiti sarebbero una lunga serie, ma ne ha scelto uno per categoria “le amiche del venerdì sera” per i sentimentali, per i siciliani “il re di Girgenti” , “la lunga vita di Marianna Ucrià” e “il male oscuro”.
Non è abitata a leggere con costanza perché alterna momenti di scoperta di un autore dove legge tutto di esso e poi dopo un libro molto toccante le occorre del tempo per metabolizzare il libro e cominciare un’altra lettura.

Annunci